Nel rapporto con i figli, unire cuore e ragione

13c49172ed0f7f75412cdedf9bc051dc-179x178E’ innegabile che il desiderio di un genitore è che il proprio figlio sia felice, che affronti la vita con successo, che realizzi le sue aspirazioni e i suoi desideri.

Oggi però, ci si trova nella complessa situazione di non avere, in campo educativo, le strade tracciate; l’incertezza su più livelli, economici, culturali, sociali e morali pongono gli educatori ed in particolare la famiglia, a muoversi senza una bussola che indichi una rotta certa.

Il timore per il futuro visto più come minaccia che come opportunità, pone i genitori di fronte ad un bivio: da un lato il desiderio di avere fiducia nelle potenzialità che il proprio figlio esprime e dall’altro, la paura che, nonostante ciò, non riesca a fare fronte alle sfide che la vita gli porta.

Allora ecco che spesso scattano i meccanismi di protezione, di accudimento continuo, che se protratti in modo immutevole negli anni, rischiano di togliere spazi di movimento e di decisione al proprio figlio proprio quando, entrando nella fase dell’adolescenza, egli stesso preme per una maggiore autonomia.

Allora che fare?

Read more

Genitori, figli e… scuola!

1382316218xb6h7-179x178Una mattina di qualche mese fa, ero nell’atrio di un Istituto scolastico. A breve avrei dovuto fare un laboratorio con una classe di Quinta superiore e stavo aspettando un incaricato che mi accompagnasse in aula.

Un’ insegnante mi vede e capisce che sono una persona esterna:

”Buongiorno signora, ha bisogno? E’ la mamma di uno studente?”

La saluto anch’io, e: “No, non sono una mamma, sono una consulente esterna, sto aspettando di iniziare un’attività in una classe…”

L’insegnante prontamente “In effetti avevo il dubbio che non fosse un genitore…Lei non ha il viso preoccupato!”.

Sorridiamo entrambe e poi quando mi ritrovo sola, rifletto…

Read more

Una vita in bianco e nero o a colori?

Creatività-179x178Qualche tempo fa mi è capitato di parlare con una persona che, raccontandomi la fine della sua storia d’amore e   di fronte alla mia domanda:” Sei sicuro che sia proprio finita?”, mi diceva: “Per me la vita ha sempre avuto solo due colori: il bianco e il nero”. Egli però aggiungeva che, avendo questa concezione, si era incastrato da solo, in un tunnel senza uscita; da una parte, la sofferenza e il senso di perdita per la rottura di un rapporto durato anni, dall’altro, l’imperativo di non volere vedere più la persona, ancora amata. Di fronte al suo racconto mi chiedevo se non vi fossero spazi di pensiero con cui percepirsi anche in un altro modo e non solo come colui che aveva finora vissuto le proprie esperienze, in termini di bianco e nero. Read more